Un salto nel passato: Lampade Alogene

Un Salto nel Passato Lampade AlogeneFacente parte della categoria delle lampade ad incandescenza, la lampada alogena, anche se ancora in uso sta a poco a poco lasciando posto alle lampade di ultima generazione. Se facciamo un piccolo salto nel passato andremo a capire di più riguardo a questa tipologia di lampade e andremo a scovarne tutti i pregi ma anche i suoi difetti. Parlando dei pregi, ci sarà di certo nota la caratteristica principale di queste lampade in relazione alla luce: le stesse infatti emettono una luce certamente superiore rispetto alle classiche lampade ad incandescenza.

Di colorazione bianca, hanno una durata variabile che si spinge fino alle 6.000 ore e sono spesso usate per l’illuminazione localizzata di alcuni punti specifici della casa. Ne esistono sul mercato tantissime tipologie che nel tempo sono state rivisitate cercando di apportare delle modifiche per migliorarne la qualità, ma ciò nonostante le lampade alogene presentano dei notevoli svantaggi.

Un classico esempio da ricordare è che le stesse, anche se spente, non possono essere toccate, in quanto anche piccoli residui di grasso rilasciati sulla superficie della stessa con il semplice tocco delle dita, provocherebbe al momento dell’accensione l’annerimento e quindi la rottura della lampada stessa, riducendone così la durata in maniera netta.

Ma se si consideri che, questa tipologia di lampade sono anche dannose all’occhio umano, perché emettono raggi ultra violetti che possono risultare cancerogeni, possiamo affermare con certezza che gli svantaggi superano nettamente i vantaggi. Se poi tralasciamo questi dettagli tecnici e spostiamo la nostra attenzione al loro utilizzo in campo di arredamento, ci accorgeremo ulteriormente che questa tipologia di lampade alogene non andrà a nozze con un tipo di arredo moderno. Si può affermare questo in quanto preme sottolineare che la luce emessa si avvicina molto a quella delle lampade classiche.

Andiamo ad esaminare alcuni dei motivi per cui è possibile fare un affermazione di questo tipo. Come abbiamo potuto capire,dando uno sguardo alla tipologia dei mobili in stile moderno, abbiamo notato che una delle caratteristiche a fattor comune è dettata dalla presenza e quindi dall’utilizzo dei faretti. Quindi come tale, in un determinato mobile ad esempio quelli della cucina, troveremo più e più faretti che, come abbiamo potuto capire non subiscono variazioni di temperatura in merito al surriscaldamento con l’utilizzo di lampade a LED, cosa che invece risulterebbe essere un problema con l’utilizzo di lampade di tipo alogene, soggette invece a surriscaldarsi facilmente.

Lampade AlogeneAnche la colorazione della luce gioca un ruolo fondamentale, in quanto come detto ha una colorazione similare a quella delle lampade classiche. Un utilizzo di lampada alogena allora non andrebbe a mettere in risalto, parlando di luce, un determinato mobile e quindi farebbe perdere di valore anche uno specifico oggetto di design situato in uno od in un altro ambiente della casa stessa. In conclusione possiamo affermare che, nonostante questa tipologia di lampade sia stata usata nel tempo e ad essa siano state conferite notevoli modifiche atte al miglioramento, non è adeguata ad un arredamento di tipo moderno.

Lampade

Un salto nel passato: Lampade Alogene ultima modifica: 2015-11-25T23:04:27+02:00 da dd4s2u58E96gf3
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 Voti) - Agg. 2016